METEO PRIMAVERA 2017 – Tendenze tempo e temperature previste in ITALIA ed Europa. Stagione capricciosa con sbalzi termici

Stagione capricciosa con sbalzi termici. (by 3bmeteo.com)

METEO PRIMAVERA 2017 IN ITALIA – Si aspetta una PRIMAVERA IN ITALIA spesso instabile con un numero di giorni piovosi superiori alla media. Le precipitazioni saranno più probabili al Nord e sulle Tirreniche. Le temperature risulteranno di poco sopra le medie del periodo con un sopra media maggiore al Sud, medio Adriatico e Sicilia. Nella prima parte di stagione ci sarà una maggiore provenienza di perturbazioni dal Nord Atlantico mentre nella seconda parte la rimonta dell’anticiclone da Ovest porterà fenomeni più irregolari e tipici da instabilità per infiltrazioni fresche da Nord.

METEO PRIMAVERA 2017 IN EUROPA – L’abbassamento del fronte polare determinerà ribaltamenti delle condizioni meteo con una PRIMAVERA che si dimostrerà piuttosto capricciosa su molte Nazioni specie del Centro Ovest EUROPA. L’alta pressione consentirà il passaggio di alcune perturbazioni sul Mediterraneo, responsabili di ondate di maltempo ed accompagnate da variazioni delle temperature. Durante la prima parte di stagione il periodo scialbo ed anticiclonico dell’inverno sarà sostituito sull’Europa centro occidentale da uno più dinamico. Frequenti episodi piovosi attendono Francia, Spagna, Olanda, Belgio, Germania e Svizzera. L’aria fredda potrà inoltre determinare fenomeni di graupel o neve tonda sulla Francia. Mentre la Spagna settentrionale sarà più esposta alle perturbazioni il richiamo caldo ed instabile da Sud determinerà temporali anche forti, veloci tra Gibilterra, Valenciana e Catalunia, più duraturi tra Linguadoca, Alvernia e Costa Azzurra. Nel corso della stagione l’alta pressione tornerà ad affacciarsi da ovest ed il tempo diverrà nuovamente più secco sull’Europa centro occidentale pur con qualche temporale che interesserà i Pirenei, il Massiccio francese e la Baviera. Rovesci anche accompagnati da venti forti sono attesi tra Irlanda ed Ovest Inghilterra ma con il ripristino dell’alta pressione ci sarà un miglioramento su gran parte dei settori.

L’afflusso mite che precede le perturbazioni invaderà Balcani meridionali, Egeo fino a spingersi su Ucraina, Bielorussia, Polonia e Baltico dove il clima diverrà più mite. Tuttavia un paio di temporali anche forti interesseranno Albania, Macedonia, Bulgaria e Grecia nel momento in cui i peggioramenti evolveranno verso levante. Rigurgiti invernali attendono il Nord della Russia e, in un primo momento anche sulla Mitteleuropa.

Precedente Perché Trump ha imposto il silenzio all’Agenzia per l’Ambiente? Successivo Foreste del pianeta a rischio, potrebbero ridursi causa siccità