Proiezioni a lungo termine: le ultimissime sulla seconda metà di febbraio 2017

Dobbiamo dirlo: sinora il modello climatico americano CFSv2 si è comportato benissimo. Tra gli articoli relazionati troverete proprio le proiezioni inerenti gli scorsi mesi di dicembre-gennaio così da potervi renderete conto voi stessi che il trend meteo climatico è stato centrato.

Ciò detto, questo stesso modello indica una seconda metà di febbraio termicamente sopra media (1-2°C rispetto al trentennio di riferimento 1982-2010) un po’ in tutta Italia, al pari della Scandinavia, della Russia europea, dei Paesi oltralpe, della Francia meridionale e parte dei Balcani. Al contrario, sull’Europa orientale – in particolar modo lungo le sponde del Mar Nero – potrebbero permanere condizioni di gelo intenso.

111

Tutto ciò ci induce a pensare che le nostre regioni verranno condizionate da discrete strutture anticicloniche e comunque da venti occidentali o meridionali. Se andiamo a osservare le proiezioni precipitative, notiamo un surplus pluviometrico lungo le sponde del Mediterraneo: Penisola Iberica, Francia meridionale, Italia, nord Africa. Alla luce di ciò lecito supporre l’ingresso di altre, intense perturbazioni atlantiche un po’ come avvenuto in questi ultimi giorni.

1111

Precedente "Il Sole si spegnerà, era glaciale nel 2019": l'allarme degli scienziati Successivo Perché Trump ha imposto il silenzio all’Agenzia per l’Ambiente?